manipolazione

La manipolazione fasciale secondo Luigi Stecco®, è una metodica riabilitativa che si è diffusa negli ultimi trent’anni.

Essa si occupa di problematiche osteo-mio-articolari (come ad esempio alterazioni della postura, lombalgie, cervicalgie, epicondiliti) e disfunzioni viscerali.

Il metodo prevede il trattamento della fascia, ovvero di una membrana presente al di sotto della cute, la quale avvolge i muscoli ed allo stesso tempo si espande all’interno di questi. Grazie alla sua continuità anatomica ed alla stretta connessione con le fibre muscolari, essa collega e coordina un’articolazione con l’altra, garantendo un gesto motorio armonico. Tuttavia, se la fascia, che è l’elemento coordinante si densifica, l’effetto inevitabile è la scoordinazione motoria.

A causare la densificazione concorrono diversi fattori simultaneamente: meccanici (traumi, sovrauso), chimici (alimentazione, farmaci) e fisici (freddo, vento).

Da un punto di vista pratico il trattamento prevede la manipolazione di particolari punti della fascia densificati al fine di ripristinare la sua fisiologica tensione, con conseguente riduzione o risoluzione della sintomatologia dolorosa.

Di fondamentale importanza è la storia clinica del paziente, sia quella recente, ma soprattutto quella più lontana nel tempo.
É indispensabile, infatti, venire a conoscenza di vecchi traumi, fratture, interventi chirurgici e dolori pregressi, al fine di condurre un ragionamento clinico corretto.

Sulla base di questo viene eseguita una valutazione motoria e successivamente palpatoria.

Una volta individuati i punti della fascia densificati, si procede al loro trattamento attraverso una frizione con le dita, le nocche o il gomito.