Voto_metabolico_1

A COSA SERVE

Valuta la predisposizione al diabete di tipo 2 (quello “alimentare”).
Consiste in un modello matematico che, grazie a un algoritmo, moltiplica la concentrazione di glucosio nel plasma per l’insulinemia (il tasso di insulina nel sangue), misurati a digiuno.
Dividendo la somma ottenuta per 405 si ottiene un valore che non dev’essere superiore a 2,5.
Altrimenti hai un’iniziale resistenza periferica all’insulina, l’anticamera del diabete.

COSÌ MIGLIORI LA MEDIA

«Taglia drasticamente i carboidrati, soprattutto quelli sotto forma di zuccheri semplici». «Niente miele, caramelle, cioccolato, gelato, marmellate, zucchero bianco e birra. Sostituisci gli alimenti a base di farina “00” con pasta e riso integrali, che vantano un’indice glicemico più basso, alternando il grano alla segale, al farro e al kamut.

Inoltre, ritagliati del tempo per praticare regolarmente attività fisica.
Fare movimento migliora la sensibilità all’insulina, aiutando questo ormone a penetrare meglio nei muscoli per “bruciare” gli zuccheri e convertirli in energia.
Così terrai alla larga il diabete».